Ricerca

30.08.2019

Grammatica valenziale - Un'alternativa all'analisi logica

 

 

Negli Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola primaria, per quanto concerne gli Elementi di grammatica esplicita e riflessione sugli usi della lingua, le Indicazioni del 2012 indicano come obiettivo il “Riconoscere se una frase è o no completa, costituita cioè dagli elementi essenziali (soggetto, verbo, complementi necessari)”.

La completezza di una frase e il fatto che alcuni elementi della stessa frase siano necessari ed essenziali sono aspetti fondamentali della grammatica valenziale, aspetti che purtroppo che non incidono sulle prassi tradizionali di analisi della frase (analisi logica). Vediamo nel dettaglio che cos’è la grammatica valenziale.

 

Che cos’è

La grammatica valenziale è un modello di analisi della frase alternativo all’analisi logica.

È stato creato da Lucien Tesnière (1893–1954) e si focalizza sugli aspetti semantici della lingua, cioè collega le funzioni delle diverse parti della frase con i loro significati.

 

Il verbo: elemento cruciale

L’elemento cruciale nella grammatica valenziale è il verbo. In tutte le frasi il verbo è un vero e proprio baricentro. Questo, con il suo significato, e in quanto dotato di numerose altre informazioni (persona, numero, tempo, modo, forma e a volte genere), può esprimere un concetto compiuto da sé (piovere, nevicare, ecc.) o richiamare intorno a sé un numero limitato (da 1 a 4) di elementi, detti nominali, con i quali completa il concetto e quindi il significato della frase.

 

Il verbo quindi è un aggregante di vari elementi tali per cui, insieme, esprimono un concetto compiuto che si chiama valenza.

I verbi vengono qualificati come:

  • zerovalenti, cioè impersonali;
  • monovalenti (Lilia sogna);
  • bivalenti (Federica accarezza un cane oppure Gigi va a Londra);
  • trivalenti (Adamo dà una mela a Martino);
  • tetravalenti (Lucia sposta la bicicletta dal cortile al garage).

 

Gli argomenti

Gli elementi che si uniscono al verbo (nomi o altri elementi) sono chiamati argomenti, distinguibili in argomento soggetto e argomenti oggetto (a sua volta, diretto o indiretto).

 

 

Grammatica valenziale e BES

Il modello valenziale risulta essere uno strumento utile nell’apprendimento della grammatica in bambini e ragazzi con Bisogni Educativi Speciali, per molti motivi:

  • è rigoroso a livello scientifico;
  • favorisce un approccio di tipo induttivo, perché aiuta la riflessione metalinguistica attraverso l’esperienza diretta, la prassi, il fare attivamente. Infatti non si applicano regole imparate a memoria ma si costruisce attivamente una competenza e un’abilità;
  • stimola all’impiego del canale visivo-percettivo permettendo una più facile memorizzazione in chi ha difficoltà di carattere verbale. La grammatica valenziale porta con sé la possibilità di ricorrere a diversi canali di apprendimento come l’uso di schemi, la rappresentazione delle scene, l’uso di immagini transcodificabili in frasi minime;
  • permette di avere sempre un punto di partenza prestabilito, il verbo, che diventa un’ancora sicura da dove partire per pianificare una riflessione metalinguistica.

 

Vedi anche