Ricerca

27.11.2019

Descrivere con i cinque sensi

 

 

La seguente attività didattica propone un percorso interdisciplinare: la produzione scritta, unita alla riflessione linguistica, si intreccia con la lettura di un’opera d’arte e con l’osservazione del mondo circostante attraverso l’uso consapevole dei cinque sensi, anche con approccio creativo.

 

Materiali necessari:

 

  • La tabella dei cinque sensi (che forniamo in allegato);
  • L’immagine del dipinto proposto (Terrazza del caffè la sera, Place du Forum, Arles di Van Gogh);
  • Il dizionario.

 

1 – La tabella dei cinque sensi

 

La tabella, che è possibile proiettare sulla LIM e distribuire a ciascun alunno come fotocopia, è composta da cinque colonne; le prime quattro, di seguito descritte, sono già parzialmente complete.

 

  • NOME: vista, udito, olfatto, gusto, tatto; gli alunni devono saper padroneggiare il lessico scientifico specifico e classificare correttamente i cinque sensi;
  • DISEGNO: a ciascun senso deve essere associato il disegno dell’organo coinvolto per un apprendimento basato sulle immagini: occhi, orecchie, naso, bocca, mani (per la pelle); gli alunni possono essere invitati a disegnare e colorare (in alternativa è possibile fornire alla classe le illustrazioni degli organi da colorare e incollare);
  • AZIONE: a ciascun senso sono associate delle azioni in forma di verbi all’infinito e ne vengono forniti dei sinonimi, che potranno essere utili nella stesura della descrizione, ad esempio: vedere, osservare; ascoltare, udire; annusare, odorare; assaporare, gustare; toccare, tastare. L’insegnante può invitare gli alunni a proporre altri verbi, con l’uso del dizionario, soffermandosi sulla molteplicità di significati che attribuiamo a “sentire”.
  • PAROLE-CHIAVE: a ciascun senso sono associate parole o espressioni-chiave, ad esempio: forma (tonda, quadrata, etc.), dimensione (grande, piccolo), colore; rumori, suoni, versi, L’insegnante può soffermarsi, avvalendosi del dizionario, sul significato di alcune parole e invitare gli alunni a proporne di ulteriori.

 

2 – L’analisi dell’immagine

 

L’ultima colonna della tabella dei cinque sensi dev’essere completata dagli alunni che, guidati dall’insegnante e a seguito della lettura e analisi delle colonne precedenti, possono utilizzare ciascun senso (o immaginare di usarlo) per descrivere l’immagine fornita (possibilmente proiettata sulla LIM).

L’opera proposta (e disponibile tra i materiali scaricabili) è Terrazza del caffè la sera, Place du Forum, Arles di Van Gogh, in cui è forte il contrasto tra colori caldi e freddi e in cui le linee sono volutamente marcate in una trama non del tutto realistica.

Ciascun alunno può immedesimarsi nel contesto, anche identificandosi in una delle figure umane rappresentate, e immaginare di usare tutti i sensi.

In questa fase è richiesta esclusivamente la formulazione di parole o brevi frasi, che possono essere fornite in autonomia o in un lavoro di gruppo (ad esempio: cielo blu con stelle dorate; brusio delle voci; profumo delle signore sedute ai tavoli; sapore dolce di cibo; aria fredda sul volto; etc.)

 

3 – La scrittura di un testo descrittivo

 

Una volta completata la tabella, agli alunni verrà fornito un limite massimo e un limite minimo di righe in cui scrivere la descrizione del quadro.

All’interno dello spazio fornito, gli alunni dovranno essere in grado di scrivere un testo continuo e grammaticalmente corretto, associando alle parole derivate dalla visione dell’immagine sia verbi (aiutandosi con la colonna dedicata alle azioni) sia aggettivi (avvalendosi del dizionario o di schede di lessico, così come della colonna con le parole-chiave).

Vedi anche