Ricerca

28.08.2019

Anche i grafici cartesiani a volte ingannano

 

Il grafico cartesiano è un utilissimo strumento per visualizzare sul foglio dati anche molto complessi. Grazie ad un sistema di riferimento a due assi (formati dalle rette X e Y) e un’origine, il grafico cartesiano è molto utile per affrontare problemi in cui una variabile dipende da un’altra variabile.

 

In generale possiamo dire con sicurezza che i numeri non mentono mai. Ma cosa succede quando i sistemi di riferimento sono poco chiari, o volutamente ingannevoli?

 

In questo articolo suggeriamo di guardare in classe il video che illustra l’utilità di un buon grafico cartesiano. Nel caso in cui l’argomento sia già stato trattato, si potrebbe assegnare la visione del video come compito a casa, in modalità Flipped Classroom.

 

 

Guarda il video

Rappresentare i dati con un grafico cartesiano

 

In seguito, in classe con la guida del docente, proponiamo di osservare e commentare le immagini seguenti che evidenziano come un grafico cartesiano costruito ad arte possa ingannare.

Lo scopo di questa attività è anche quello di stimolare negli alunni – anche in ottica delle ottica Competenza del XXI secolo – uno spirito critico rispetto alle immagini e alle notizie che si trovano sui mezzi di informazione.

 

Fonte: Darrell Huff, Mentire con le statistiche, Monti & Ambrosini, 2007

 

  1. Un proprietario di un’importante azienda mostra ai suoi colleghi i traguardi della sua società servendosi di questo grafico. Sembra aver ottenuto ottimi guadagni, vero?

 Grafico 1

 

Ma in realtà ha guadagnato soltanto 1 €. Il proprietario aveva volutamente nascosto l’asse Y!

Grafico 2

 

  1. Una pubblicità di auto mostra il seguente grafico per far vedere quanti chilometri in più l’auto 1 riesca a fare con un litro rispetto ai concorrenti.

Grafico 3

 

Ma il grafico inganna, perché il punto di partenza dell’asse Y non è 0. Nel grafico corretto si nota come in realtà le prestazioni di tutte e 3 le auto siano molto più simili di come sembrava.

Grafico 4

 

 

Attività 

Ispirandosi agli esempi proposti sopra, dividere gli studenti in gruppi e chiedere loro – come compito a casa – di raccogliere in una presentazione PowerPoint immagini di grafici da giornali, siti web o social, accompagnando ogni immagine con un breve commento.

 

In classe, dopo che ciascun gruppo ha mostrato la propria presentazione, avviare una discussione per far emergere se tra i grafici raccolti ce ne siano alcuni ingannevoli o poco chiari.

 

 

Per approfondire

Vedi anche