Ricerca

29.08.2019

Il pH e l’acidificazione degli oceani

 

 

Il riscaldamento globale, col quale abbiamo già iniziato a fare i conti, è sicuramente uno dei problemi più gravi del XXI secolo. Il cambiamento climatico, tuttavia, non porta con sé soltanto un aumento delle temperature, ma anche moltissime altre problematiche. Una di queste è l’acidificazione degli oceani.

Come primo passo, suggeriamo di assegnare agli studenti la visione dei seguenti video, per sensibilizzarli sul fatto che l’acidificazione non sia soltanto qualcosa che si sperimenta in laboratorio, ma può diventare un problema reale e pericolosissimo.

Spiegate alla classe che il ciclo del carbonio è un processo naturale che coinvolge tutte le forme viventi. Tutti i mari e gli oceani giocano un ruolo fondamentale in quanto riescono ad assorbire circa il 30% di anidride carbonica di origine antropica. Tuttavia l’emissione di C02 è in continuo aumento e, continuando di questo passo, entro il 2100 avremo un aumento dell’acidità oceanica del 170%.

Per comprendere la serietà del problema, sottolineate come anche l’ONU abbia inserito nella sua agenda degli obiettivi per il 2030 la conservazione e la salvaguardia della vita sott’acqua, minacciata, tra le altre cose, anche dall’acidificazione dei mari.

 

Guarda i video:

How pollution is changing ocean’s chemistry – TedEd

Obiettivo n°14 – La vita sott’acqua

 

 

In classe, l’anticipazione dell’argomento dal punto di vista ambientale, vi servirà come stimolo per catturare l’attenzione degli studenti e veicolare la spiegazione sul pH dal punto di vista della chimica.

A questo proposito, un utile supporto sono 3 video-laboratori che mostrano cosa sia il pH e come si calcola per un acido debole e per una base forte.

 

Guarda i video:

Acidi e basi: la misura del pH

Calcolo del ph di un acido debole

Calcolo del ph di una base forte

Vedi anche