Ricerca

03.09.2019

CRISPR cas9 o il moderno Frankenstein

 

Nel 1818 Mary Shelley pubblicò quello che sarebbe diventato uno dei libri più importanti di sempre: Frankenstein, o il Moderno Prometeo, dando il via, secondo alcuni storici, anche a un nuovo genere letterario: la fantascienza.

Almeno una volta tutti quanti hanno sentito il nome del dottor Frankenstein, meno spesso invece capita di soffermarsi a riflettere sul sottotitolo, come invece vuole fare questo articolo.

Proponiamo un’attività multidisciplinare che parte dall’analisi del romanzo di Mary Shelley per poi andare a indagare una tecnica recentissima di ricombinazione genetica, ossia CRISPR. Suggeriamo una (o eventualmente più di una) lezione in cui l’insegnante di biologia e quello di letteratura inglese partecipino in compresenza.

 

Per iniziare questo percorso consigliamo la visione del video Frankenstein Today che introduce le tematiche che seguiranno; con l’insegnante di inglese discutete sulla trama e sulle vicende del romanzo con particolare attenzione al sottotitolo dell’opera: chi era Prometeo? Perché il dottor Frankenstein, padre dell’omonimo mostro, ricorda all’autrice il Titano greco che donò il fuoco agli uomini?

 

Guarda il video:

Frankenstein – Today

 

La scienza moderna, al contrario del dottor Frankenstein, ha capito molti dei segreti della vita e sa come modificarla. Il campo di studi che si occupa di questo è l’ingegneria genetica e la tecnica di cui vogliamo parlare è CRISPR cas9.

Grazie a questa nuova tecnica, chiamata anche “taglia e cuci” – ovviamente riferendosi al DNA – sono già stati fatti alcuni passi in avanti nelle terapie geniche e la medicina ne promette molti altri. Si tratta di una tecnologia che però solleva anche dubbi e questioni etiche, sulle quali può essere interessante sollecitare un dibattito in classe, partendo ad esempio da questa domanda: fino a che punto è legittimo intervenire modificando le basi della vita?

 

Guarda il video:

Come Crispr ti consente di editare il DNA – TedEd

Vedi anche